Festa Democratica del PD. “La raccolta differenziata a Genova”. Intervento di Felice Airoldi, portavoce del Comitato per Scarpino.

Intervento di Felice Airoldi, portavoce del Comitato per Scarpino, durante il dibattito “La raccolta differenziata a Genova” .

Dibattito al quale hanno partecipato:

Renata Briano, Assessore Regione Liguria

Prof. Stefano Mambretti, docente Politecnico di Milano

Valeria Garotta, Assessore Comune di Genova

Dirigente dell’AMIU Enrico Lastrico, delegato alla Raccolta Differenziata.

.

Durante l’intervento  Felice Airoldi ha consegnato un documento alla Dott.Valeria Garotta. Di seguito il testo:

.

Comitato per Scarpino                                                                                                                           

   perscarpino@gmail.com  – mobile 334 7367163 

INTERROGAZIONE CONSEGNA  A MANO 

Oggetto: rifiuti a Scarpino

Il Sottoscritto Airoldi Felice Cittadino di Genova
interroga la S.V. Dott.Valeria Garotta – assessore Ambiente:
Regolazione della Gestione Ciclo dei Rifiuti Urbani e discariche
Indirizzo e controllo di AMIU
Politiche Ambientali ed attività per la riduzione e gestione dell’inquinamento atmosferico, idrico e dei suoli
Attuazione progetti politiche energetiche, definizione del piano energetico comunale e progetti pilota per la riduzione dei rifiuti, per gli acquisti verdi e per la decrescita dei consumi.

 

Premessa:

quale debba essere l’approccio al problema rifiuti lo spiegano molto chiaramente le normative comunitarie e nazionali: il nostro paese deve diventare una società del riciclo, dove la produzione dei rifiuti viene ridotta al minimo e i rifiuti che è inevitabile produrre vengono considerati come risorse, attraverso una gerarchia di interventi che prevede al primo posto la riduzione, al secondo la separazione, al terzo il riciclaggio, al quarto altri tipi di recupero e solo al quinto e ultimo, per una quantità minima e in continua diminuzione, lo smaltimento in discarica.

 

Pertanto interrogo la S.V.
Per avere conoscenza sul perché in questi anni non sono stati messi a regime gli impianti per la separazione secco/umido e non si trovano le aree per il compostaggio .

Per avere conoscenza circa l’uso corretto della discarica di Scarpino da parte di altre province, regioni, cooperative e società private.
E’ emerso che tale procedura di tipo economico finanziario viene effettuata direttamente da Amiu SPA. ossia dal gestore.

L’articolo 46 comma 1 della legge regionale 18 del 21 giugno 1999 afferma che: “negli impianti localizzati nel territorio regionale lo smaltimento di rifiuti urbani e di materiale di risulta della lavorazione degli stessi prodotti in altre regioni, può essere consentito esclusivamente previa definizione di specifiche intese, convenzioni o accordi di programma tra la Regione Liguria, la Provincia Ligure e le altre regioni interessate”.

Se tale norma non è stata superata ad oggi da una nuova procedura a me sconosciuta (nel qual caso chiedo cortesemente di esserne messo a conoscenza), si richiede accesso atti completo per entrare in possesso della documentazione che ha permesso di volta in volta, di stipulare intese, convenzioni, accordi a riguardo della discarica di Scarpino, e dei rifiuti provenienti da altre province e regioni.
Inoltre si specifica che si richiede di conoscerne la tipologia in base alla procedura per la corretta individuazione mediante i codici CER da attribuire ai rifiuti in base alla quantità, qualità e provenienza dei rifiuti oggetto degli accordi.

Distinti saluti

About these ads

One Response to Festa Democratica del PD. “La raccolta differenziata a Genova”. Intervento di Felice Airoldi, portavoce del Comitato per Scarpino.

  1. Aldo Cannavò scrive:

    Vergogna, le autorità genovesi sanno da anni che esiste un sistema alternativo che costa poco,non lascia residui e non inquina ma lasciano che l’AMIU programmi il gassificatore,che costa ai cittadini enormemente,lascia residui da smaltire a loro volta ed inquina,poichè i gassificatori sono progettati per la parte umida dei rifiuti e per bruciare i solidi debbono aumentare i gradi di combustione,riducendosi a fare le funzioni ed i danni degli inceneritori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 33 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: