Diretta streaming giovedì 17 aprile ore 21: “TAV Terzo Valico. Dal rosmarino allo smarino”

locandina-PAN-puntata-6-terzo-valico-J

per vedere la diretta cliccare su  –>  http://www.genovirus.it/

 

Marco Bersani. Come l’Europa può essere patria di democrazia, diritti, beni comuni

Marco Bersani, portavoce di Attac Italia, a Genova mercoledì 2 aprile presso il circolo Arci Zenzero su: “Come l’Europa può essere patria di democrazia, diritti sociali, beni comuni.”

 

Video della diretta streaming di Marco Bersani a Genova il 2 aprile.

Locandina-PAN-Bersani-bis-020414

per vedere la diretta cliccare sulla locandina

 

Attac per la Campagna Zero Zero Cinque. Firma anche tu.

Attac Italia sostiene la Campagna ZeroZeroCinque (www.zerozerocinque.it) per l’introduzione della Tassa sulle Transazioni Finanziarie.1086419_100002127513657_27379642_q
Queste sono settimane cruciali in Europa per l’introduzione della Tassa, vi chiediamo di sostenerci e aiutarci a diffondere la nostra petizione anche attraverso la vostra pagina.
Qui sotto troverete un suggerimento per un post da condividere, per qualsiasi altra informazione o materiale non esitate a contattarci all’indirizzo info@zerozerocinque.it.
Contiamo anche sul vostro aiuto.
Grazie

La Segreteria della Campagna ZeroZeroCinque.

___ ___ ___

Se anche tu credi che sia giusto che i responsabili di questa crisi economica paghino per il caos causato invece di scaricare il peso sui cittadini, firma la nostra petizione. Una piccola tassa sulle transazioni finanziarie può arginare la speculazione e andare a benefici dei cittadini, della lotta alla povertà e ai cambiamenti climatici www.robinhoodpetition.org

Comunicato Stampa: PACE e DISARMO vanno in scena in ARENA

Comunicato stampa del 25 marzo

PACE e DISARMO vanno in scena in ARENA

Meno trenta. Il 25 aprile l’anfiteatro veronese ospiterà la manifestazione “Arena di Pace e Disarmo”, che riunirà l’intero movimento pacifista e nonviolento, laico e religioso, della solidarietà e del volontariato, per una giornata di resistenza e liberazione.

Ridurre le spese militari, investire nella prevenzione dei conflitti armati, costruire i corpi civili di pace, rilanciare il servizio civile, smilitarizzare i territori: saranno alcuni dei temi forti dell’evento, che vedrà, tralogo_arena2 gli altri, la presenza di Alex Zanotelli (missionario comboniano), Lidia Menapace (partigiana e femminista), don Luigi Ciotti (sacerdote antimafia), Alice Mabota (leader pacifista del Mozambico), Gad Lerner (giornalista e scrittore) e di molte testimonianze dirette delle iniziative nonviolente e campagne antimilitariste promosse dal variegato movimento per la pace in Italia e all’estero.

Sarà anche una giornata di festa, con tanta musica proposta dagli artisti che hanno aderito: Simone Cristicchi, Grazia De Marchi, Vittorio De Scalzi, Farabrutto, Eugenio Finardi, Deborah Kooperman, Alessio Lega, Alessandro Mannarino, Nardo Trio, Alberto Patrucco, Pippo Pollina, David Riondino e con la partecipazione delle “Bocche di rosa”.

 La manifestazione è promossa da un lungo elenco di reti, organismi, fondazioni, media e centri studi ed organizzata dall’associazione “Arena di Pace e Disarmo”. Padre Venanzio Milani, della Fondazione Nigrizia, la descrive come “un racconto di ciò che si sta facendo per costruire la pace”, e Mao Valpiana, direttore di Azione nonviolenta, aggiunge “metteremo in scena le proposte del movimento disarmista e nonviolento” mentre Michela Faccioli, del comitato organizzatore, conclude “sul prestigioso palco dell’Arena vedremo e sentiremo testimonianze, parole e musica che sapranno rappresentare le miriadi di azioni politiche, culturali, sociali che ogni giorno lavorano per la pace e contro la guerra”.
Venerdì 25 aprile, giornata della Liberazione dal nazi-fascismo, sarà celebrata dai pacifisti con lo slogan “La resistenza oggi si chiama nonviolenza, la liberazione oggi si chiama disarmo”.

Si inizierà alle ore 12 in piazza Bra con l’inaugurazione, che vedrà come testimonial Cecilia Strada, di mostre fotografiche e pittoriche, mentre la piazza si animerà di flash mob realizzati dagli studenti e dai giovani in servizio civile e arriveranno le biciclettate “resistere-pedalere-resistere” degli Amici della Bicicletta; i cancelli dell’Arena si apriranno alle ore 13 per prendere posto e allestire gli striscioni delle associazioni e i cartelli dei vari gruppi. Alle ore 14 inizierà lo spettacolo con alternanze di testimonianze, musica, letture, video; alle ore 18 verrà presentata la nuova campagna “disarmo e difesa civile non armata e nonviolenta” e poi proseguirà la maratona musicale fino all’imbrunire.
Una manifestazione-spettacolo, ad entrata gratuita, che vedrà la regia di Michelangelo Ricci, la direzione artistica di Enrico de Angelis, con la conduzione di Valeria Benatti e Antonio Silva. Molti i media partner. La diretta streaming sarà curata da LanuovaecologiaTV, e la diffusione radiofonica dal Network Radio Popolare e Radio Articolo 1.

Arena di Pace e Disarmo via Spagna, 8 – Verona http://www.arenapacedisarmo.org

per info: segreteria@arenapacedisarmo.org

per richiedere accrediti stampa: ufficiostampa@arenapacedisarmo.org

COMUNICATO STAMPA. Un esposto per il referendum calpestato.

COMUNICATO STAMPA

Un esposto per il referendum calpestato

 

Acqua-rispetto-resferendum

A fronte di anni di diffide per il rispetto del referendum a Gestore, Amministratori e Authority (AEEG), ad oggi rimaste lettera morta, lo scorso giovedì 20 marzo il Comitato Acqua Bene Comune Genova ha presentato un esposto presso la Procura regionale della Corte dei Conti. Il documento, gemello di quello presentato alla Procura della Repubblica lo scorso 27 gennaio, chiede di far luce sulle seguenti questioni:

-applicazione dal 21 luglio 2011 di una tariffa non rispettosa del referendum
-impropria (truffaldina) qualificazione della componente di remunerazione del capitale della nuova tariffa come “oneri finanziari” e “oneri fiscali”
-minaccia di distacco di fornitura nei confronti di utenti che chiedevano solo il rispetto della legge
-applicazione di un coefficiente di efficientamento dello 0.5% (più favorevole per il gestore) per il calcolo dei costi operativi per la tariffa del vecchio Metodo Tariffario Normalizzato , in  spregio alle segnalazioni di cittadini e organismi istituzionali (CONVIRI, nota prot.6115 del 7 settembre 2010 )

Le ipotesi di reato sulle quali si chiede di indagare sono abuso di ufficio (323 c.p.), rifiuto d’atti di ufficio (328 c.p.) e truffa (640 c.p.) , sul modello della denuncia/querela presentata da Legambiente e Comitato Acqua Bene Comune di Pistoia, recentemente (settembre 2013) conclusasi con l’iscrizione al registro degli indagati del vertice di Publiacqua.

Si spera che, per il futuro, una maggiore responsabilità di tutti i soggetti coinvolti permetta di evitare il coinvolgimento della magistratura per un fatto scontato, quale dovrebbe essere l’applicazione di una legge scaturente direttamente dalla volontà popolare (referendum).

Comitato Acqua Bene Comune Genova

Genova. Presentazione slides del progetto Aziende Speciali

Genova 19 marzo 2014. Presentazione presso il Circolo Arci Zenzero delle slides per il progetto “Aziende Speciali” elaborato dal Forum dei Beni Comuni Genova”

 

-

Video della diretta Streaming del 13 marzo 2014: TTIP ll trattato transatlantico. Un uragano che minaccia gli europei.

TTIP Filigrana

Video della diretta Streaming del12 marzo 2014: PUC, quale futuro per Genova?

.

.

Sayonara Nukes! A tre anni dallo Tsunami dell”11marzo in Giappone

Il Giappone non dimentica e a tre anni dallo Tsunami dell’11 marzo 2011 sono già in corso manifestazioni sia per ricordare  le vittime sia per pretendere che Fukushima non si ripeta ancora.untitled

Migliaia di persone hanno sfilato a Tokyo gridando lo slogan Sayonara Nukes e hanno marciato verso il Parlamento per chiedere la fine del nucleare.

Le manifestazioni sono contro l‘industria nucleare e il primo ministro Shinzo Abe intenzionato a riavviare alcuni dei 48 reattori nucleari, bloccati per precauzione dopo gli incidenti di Fukushima, e indurlo a fare marcia indietro.

Secondo il premier, infatti, questa energia sarebbe necessaria per l’attività economica dell’arcipelago privo di risorse naturali. Contrari i manifestanti che chiedono una politica senza il nucleare e che promuova l’energia rinnovabile e le nuove tecnologie (architettoniche, elettroniche, ecc.  …) a basso consumo.

Oggi noi ricordiamo con profondo dolore la catastrofe che colpì il popolo giapponese provocando 16.000 morti e 3.000 dispersi. Secondo le cifre ufficiali, inoltre, altre 17.000 persone sono decedute in un secondo tempo a causa dello stress e dei problemi di salute dovuti a quella terribile giornata.

 

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 31 follower