Chi può dire.

Chi può dire

 

Chi può dire “questa terra è mia”?

Chi può dire “possiedo l’aria”

o “il fiume mi appartiene”?

 

E chi può dire, ancora, “questo frutto è mio”?

A chi appartiene il seme che ha generato il frutto? 

E poi, chi può dire “questo figlio mi appartiene”?

Ché forse quel figlio non è della terra su cui vive?

 

E cosa sarà di questa terra e di questi figli domani,

quando l’aria sarà avvelenata più di oggi,

quando il fiume sarà consumato dalla cupidigia,

quando la terra sarà satura di veleno e avara di vita?

 

Questo è il tempo del cambiamento,

fermiamo ora la cecità del potere che abusa.

Per amore della terra e dei figli che l’abiteranno:

ora, quando sennò?

 

Simonetta Gabrielli

Nimby Trentino 

5 dicembre 2010 

Simonetta Gabrielli è in digiuno ad oltranza per richiamare l’opinione pubblica sui rischi del progettato inceneritore di Trento 

Associazione Gestione Corretta Rifiuti e Risorse di Parma – GCR 

Parma, 18 dicembre 2010

-505 giorni all’avvio dell’inceneritore di Parma, ORA lo possiamo fermare.

+201 giorni dalla richiesta a Iren del Piano Economico Finanziario del Pai, forse perché l’inceneritore costa 315 milioni di euro?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: