Striscia la notizia a Vado Ligure. Comitai e movimenti: scelta infelice della Regione Liguria.

Ieri a Vado Ligure era presente anche Striscia la Notizia, dopo  la infelice scelta espressa dalla maggioranza in Regione di acconsentire all’ampliamento della centrale Tirreno Power di Vado Ligure e Quiliano

Al presidio organizzato dalla libreria Ubik di Savona, sotto una fitta pioggia, centinaia di persone con esponenti di  movimenti e comitati, hanno protestato per mandare un netto messaggio attraverso i media a tutta la nazione ed in particolare alle moltissime realtà italiane vittime di un potere economico e politico che non tutela certamente la salute dei cittadini.

Volere  un ampliamento a carbone nella centrale  in piena città è certamente una scelta infelice, è stato ribadito dai cittadini, e va a scontrarsi in modo netto con l’operato della precedente amministrazione regionale (con Presidente lo stesso Claudio Burlando) che aveva imboccato una strada in direzione delle energie rinnovabili e non decisamente al carbone

I cittadini presenti  hanno evidenziato che la decisione di Claudio Burlando è incostituzionale, in merito al diritto alla salute art.32 della Costituzione: diritto fondamentale dell’individuo e interesse della collettività che di fatto obbliga lo Stato a promuovere ogni opportuna iniziativa e ad adottare precisi comportamenti finalizzati alla migliore tutela possibile della salute in termini di generalità e di globalità.

Richieste con forza alla Regione Liguria nuove scelte atte alla salvaguardia della tutela ambientale e all’autodeterminazione dei cittadini  con il depotenziamento e metanizzazione della centrale sostituendo i vecchi gruppi a carbone  con moderni gruppi a metano visto l´ingente investimento che Tirreno Power spenderà per l´impianto.

Con la scelta del metano si ridurrebbero certamente i guadagni della Tirreno Power,  ma come per le numerosissime centrali a metano in Italia non subirebbe certamente grandi perdite finanziarie, (anzi … ) e quindi non si capisce perché i politici non insistono su questo rinnovamento e voltano la testa per non vedere gli enormi costi di salute causati ai cittadini  e i costi sanitari che la Regione Liguria e quindi tutti i liguri devono sostenere economicamente per permettere maggiori lucri di pochi a scapito della salute di tanti.

Giuseppe Oliva, Attac Genova

Annunci

One Response to Striscia la notizia a Vado Ligure. Comitai e movimenti: scelta infelice della Regione Liguria.

  1. michaelangelus says:

    La decisione di Tirreno Power conferma che in italia si vive in una falsa democrazia,poichè il popolo non è sovrano,come dice la costituzione,ma lo sono le lobbies.Gli amministratori comunali e regionali,che vanno contro gli interessi dei cittadini tradiscono la democrazia ed il popolo,che li ha eletti e li paga perchè facciano i suoi interessi,non quelli privati.La ricchezza che porterebbe l’ampliamento della Tirreno Power verrebbe vanificata dalle spese per le malattie che provocherà e per il peggioramento del tono di vita dei cittadini.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: