Dagli esperti dell’associazione italiana Medici per l’Ambiente – ISDE un no deciso e documentato a progetti di centrali a biogasmasse e impianti biodigestori

Si  è svolto  sabato 24 novembre 2012 a Manziana (Rm) l’incontro sul tema “Biogasbiomasse e biodigestori. Scelta ecologica o ecotruffa?”.
L’incontro promosso da numerosi comitati locali impegnati in difesa dell’ambiente e della salute ha  visto una partecipazione numerosissima    ed attenta di cittadini e della stampa locale e nazionale.
La dottoressa Antonella Litta, referente per Viterbo dell’Associazione italiana medici per l’Ambiente – Isde (International Society of Doctors for the Environment )nell’intervento introduttivo ha esposto le principali criticità ambientali e sanitarie della provincia di Viterbo a cominciare da quelle determinate dall’arsenico, sostanza tossica e cancerogena, presente nelle acque destinate a consumo umano  e dal gas radon, altro elemento cancerogeno, presente  diffusamente nella struttura geologica del’Alto Lazio.
Il professor Gianni Tamino, biologo di fama internazionale professore  ordinario presso l’Università di Padova e membro del comitato scientifico dell’Associazione italiana medici per l’ambiente – Isde con la relazione sul tema: “Quali fonti rinnovabili: l’inganno delle biomasse e del biogas” ha mostrato chiaramente l’inutilità e la dannosità per salute e ambiente di questi impianti  che vengono costantemente proposti su tutto il territorio nazionale per conseguire una volta realizzati importanti incentivi economici in quanto spacciati per fonti rinnovabili quando in realtà lo sono soltanto formalmente.
Il  dottor Mauro Mocci del Coordinamento  dell’Alto Lazio dell’Associazione italiana  medici per l’Ambiente- Isde ha illustrato la relazione: “Biodigestori anaerobici alimentati da rifiuti organici – La situazione nel nostro territorio – Le soluzioni alternative”evidenziando con chiarezza la necessità di una rigorosa e corretta gestione dei rifiuti che se realizzata attraverso la raccolta  differenziata e “porta a porta”  e con  una reale politica del riuso del riciclo e della riduzione dei rifiuti e soprattutto dei materiali da imballaggio non avrebbe alcun bisogno della realizzazione di impianti di incenerimento, biodigestione e  discariche.
Gli interventi hanno dimostrato con chiarezza espositiva e solidità scientifica l’inutilità  e la dannosità per ambiente e salute delle centrali a biogas a biomasse e dei biodigestori in un territorio in cui non vi è necessità di aumentare la produzione di energia elettrica mentre si dovrebbero ridurre subito le fonti d’inquinamento già presenti a cominciare dal polo energetico più grande d’Europaquello costituito dalle  centrali di Civitavecchia e Montalto di Castro che da oltre 50 anni  immette in aria  tonnellate  di gas e polveri nocivi con danni  gravi e  fin mortali per la  salute delle persone come  evidenziato anche da  studi epidemiologici.
Da questo incontro  anche un forte e condiviso appello perché  nel nostro territorio si dia la priorità il massimo dell’attenzione e dell’impegno a programmi di tutela e bonifica ambientale di sorveglianza dello stato di salute delle popolazioni residenti e si rifiuti decisamente e senza tentennamenti ogni altra scelta, struttura e/o impianto ad alto impatto ambientale e sanitario.

Comunicato stampa a cura dell’Associazione italiana medici per l’ambiente-Isde (International Society of Doctors for the Environment ) di Viterbo

Viterbo, 26 novembre 2012

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: