Ad Oslo, Attac assegna un premio Nobel dell’austerità all’Unione Europea

Numerosi capi di Stato o di governi e rappresentanti delle istituzioni europee si compiacciono del premio Nobel della pace che é stato assegnato all’Unione Europea. Ma Attac non si complimenta con l’UE: é assolutamente fuori luogo ricompensare l’UE,  considerando che le sue istituzioni ed i suoi governi impongono piani di austerità sociale contro i popoli, rinforzzano le capacità militari dell’UE, la caccia agli immigrati e portano avanti una politica commerciale agressiva.

Attac Norvegia ha partecipato all’organizzazione di manifestazioni che si sono svolte domenica ad Oslo, ha portato il messaggio della Rete europea di Attac: anziche il premio Nobel della pace, va consegnato al UE il premio Nobel dell’austerità!

Il Presidente della Comissione Europea, Barosso, giustifica l’attribuzione del premio Nobel dichiarando che l’UE porta avanti valori quali “la libertà, la democrazia, il rispetto dei diritti umani”. Questi valori sono però ben lontani dagli orientamenti dei trattati europei.

Come si puó dare il premio Nobel ad un’Unione Europea che chiude le sue frontiere facendo migliaia di vittime, che si impegna ad incrementare le sue capacità militari (art. 42.3 del TUE) e che riconosce la supremazia della NATO?

Quale tipo di messaggio si da ai paesi del Sud del Mondo, a questi popoli che subiscono la strategia commerciale agressiva dell’UE? Con gli accordi di liberalizzazione dei mercati, l’UE daneggia pesantemente la situazione economica dei paesi del Terzo Mondo.

Infine, quale messaggio si da ai milioni di cittadini che da qualche anno si mobilitano scendendo in piazza in Grecia, in Spagna o in Portogallo contro la distruzione dei loro diritti sociali e le decisioni della Troika, Commissione e BCE in testa?

Attac Norvegia ha ricordato che “coloro che si oppongono alle politiche neoliberiste dell’UE e ai piani di austerità subiscono una repressione polizziesca brutale.”

Le politiche di austerità messe ad opera da due anni hanno solo aggravato la situzione dei paesi che le subiscono. Non hanno fatto che incrementare il divario tra i paesi “centrali” e quelli “della periferia”.

Hanno rinforzato i nazionalismi e accentuato la guerra economica, mettendo gravemente in pericolo la costruzione di un’Europa solidale e cooperativa, difesa da Attac in Europa.

Attac France

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: