Acqua pubblica: 18 dicembre 2012: rivoluzione a Cremona!

Oggi è una giornata davvero speciale. Dopo il consiglio comunale di Reggio E., anche il Consiglio Provinciale di Cremona…. 

18 dicembre 2012: rivoluzione a Cremona!

Tre ore fa il consiglio provinciale di Cremona [soggetto centrale in base alla legge regionale lombarda che affida il servizio idrico alle province] ha votato a larghissima maggioranza (17 voti favorevoli, 1 astenuto, 1 voto contrario) un atto di indirizzo che ribalta completamente la linea politica sin qui seguita dal presidente dell’Amministrazione Provinciale Massimiliano Salini. Il servizio idrico andrà gestito tramite soluzioni esclusivamente pubbliche. Viene totalmente sconfessato il piano d’ambito adottato vergognosamente poche settimane fa con un vero colpo di mano dall’Ufficio d’Ambito: la nuova mozione infatti impegna il presidente dell’Amministrazione Provinciale a dare istruzioni all’Ufficio d’Ambito perché istruisca un nuovo piano d’ambito secondo il nuovo indirizzo politico. La mozione è stata presentata dalla Lega Nord e votata anche da PD, IdV, PRC-PdCI, da un consigliere indipendente e dall’ex presidente della provincia Torchio. Il PdL (forza politica cui appartiene il presidente Salini) non ha votato. Astenuta l’UDC (che fornisce appoggio esterno al presidente Salini). Voto contrario invece dall’API.

Sempre oggi è stato ufficialmente presentato ai giornali il ricorso che tre sindaci del territorio hanno presentato contro la deliberazione dell’Ufficio d’Ambito di cui sopra, ricorso al quale come Comitato Acqua Pubblica ci uniremo con una memoria ad adiuvandum.

Abbiamo anche varato in questi giorni una nuova iniziativa, il TGAcqua, di cui stiamo per presentare la prima puntata.

Chiediamo ancora scusa per la nostra assenza dalla manifestazione di Reggio Emilia e la nostra ridotta partecipazione agli ultimi appuntamenti nazionali, ma avendo in lievitazione questi tre bei panettoni non potevamo davvero mollare un minuto.

Ora ovviamente la lotta non si ferma, anzi. Dovremo vigilare perché passato il periodo elettorale il consiglio non cambi di nuovo idea e soprattutto perché nel momento in cui il piano d’ambito tornerà a Cremona non venga approvato; dovremo vigilare perché il presidente Salini ottemperi a quanto prescritto dal “suo” consiglio provinciale; dovremo premere e fornire strumenti e proposte a sindaci e consiglieri per orientare la scelta verso l’azienda pubblica e non la società in-house verso la quale sembra in questi giorni orientarsi il percorso, ma quella di oggi è una giornata che ci regala un bellissimo Natale, che anche solo poche settimane fa non ci saremmo neppure sognati.

Tante famiglie di Cremona non passeranno un bel Natale, visto che l’AEM (azienda del capoluogo) ha effettuato numerosi distacchi di utenze per morosità: cercheremo di utilizzare anche la vittoria di oggi a loro favore, raddoppiando le mobilitazioni dei giorni scorsi, perché in una città che si voglia chiamare tale è inaccettabile che ci siano famiglie (molte con minori, con malati, con anziani) senz’acqua, luce e gas per insolvenza.

Intanto un abbraccio a tutti e grazie dal profondo del cuore a tutti i comitati acqua perché senza di voi non ce l’avremmo mai fatta. Avanti così.

Si scrive acqua, si batte Salini e si legge democrazia.

Comitato Acqua Pubblica del Territorio Cremonese

Il comunicato ufficiale qui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: