Riceviamo e pubblichiamo: NO ALL’AGGREGAZIONE DI AMIU CON IREN NO AL MONOPOLIO PRIVATO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

NO ALL’AGGREGAZIONE DI AMIU CON IREN NO AL MONOPOLIO PRIVATO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI   iren-amiu

SI AL PIANO METROPOLITANO PER IL RECUPERO DELLA MATERIA

 

La giunta Doria ha deliberato l’aggregazione di AMIU con IREN.

IREN è ben conosciuta dai cittadini genovesi per la gestione dell’acqua. Da quando l’acqua è gestita da IREN:

 

  • le tariffe sono aumentate mediamente del 5% oltre l’inflazione

  • esplodono continuamente le tubazioni per assenza di manutenzioneI suoi amministratori fanno gli imprenditori con i nostri soldi: peccato che abbiano buttato via 900 milioni di Euro nel rigassificatore di Livorno, impianto che non andrà mai in funzione, indebitandosi con le banche: tanto pagheremo noi con le tariffe dell’acqua ed ora della spazzatura. 
  • Con questa aggregazione:
  • A questa società il Comune vuol cedere AMIU e le prime mosse non fanno ben sperare: IREN pretende di ripianare i costi di risanamento di Scarpino in 10 anni invece che in 30: aspettiamoci un bell’innalzamento della TARI.
  • Però IREN fa felici i suoi azionisti regalando loro utili pari al 23% del fatturato: soldi sottratti alle manutenzioni ed alle tasche dei cittadini!
  • si crea un monopolio di fatto, gestito da una società privata. Poco importa se IREN è a maggioranza pubblica: si comporta da società privata come si evidenzia nella sua gestione delle acque: alte tariffe, alti profitti e nessuna manutenzione perchè essendo quotata in borsa deve rispondere a logiche di mercato e non di servizio ai cittadini

  • avremo un aumento della TARI al 6% già da questo anno per l’aver contratto da 30 a 10 anni l’ammortamento dei costi per il risanamento della discarica di Scarpino. A questo proposito sia nel piano industriale AMIU del 2014 che nell’accordo sindacale del 29-7-16 si prevedeva la ricerca di altre fonti di finanziamento, tentativi che non sono stati esperiti.

  • la governance dell’azienda è totalmente in mano all’Amministratore Delegato di nomina IREN, mentre il Presidente, di nomina Comunale, ha compiti poco più che simbolici

  • nelle linee guida proposte per il piano dei rifiuti si prospetta la realizzazione degli impianti di selezione entro il 2018, ma per l’impianto di digestione anaerobica e successiva produzione di biometano “si valuterà” la capacità di trattamento di impianti esistenti. Come dire che l’impianto che può produrre utili dalla vendita del metano non viene fatto a Genova.

CONTRO QUESTA DELIBERA PRESIDIO DAVANTI A TURSI

MARTEDI 31, ORE 15,00 E MERCOLEDI 1 ORE 9,00

Coordinamento Ligure per la Gestione Corretta dei Rifiuti (GCR)

Comitato Genovese Acqua Bene Comune

Stampato in proprio

Annunci

Bentornata Acquasola “due”

ACQUASOLA foto 18 giugno 2016(1) def (2)

 

Per la prima volta a Genova la proiezione del film “I Vajont”, film-inchiesta sui disastri ambientali che hanno segnato l’Italia.

Senza titolo-4

Comunicato stampa

 

Per la prima volta a Genova la proiezione del film “I Vajont”, film-inchiesta sui disastri ambientali che hanno segnato l’Italia. 

Giovedì 9 giugno, alle ore 20,30 a Palazzo Ducale presso la sala del Minor Consiglio si terrà la proiezione del film – inchiesta “I Vajont”.

Saranno presenti in sala le registe del film Maura Crudeli e Lucia Vastano, oltre a Valerio Gennaro di Medici per l’Ambiente e Adele Chiello Tusa, madre di Giuseppe Tusa, vittima del crollo della torre Piloti di Genova, che risponderanno, dopo il film, alle domande della giornalista Teresa Tacchella.

Il film – inchiesta è una produzione indipendente, ideato e scritto dalla giornalista e regista Lucia Vastano, girato da Maura Crudeli e Federico Alotto con il sostegno di Medicina Democratica e AIEA (Associazione Italiana Esposti Amianto) e raccoglie le testimonianze delle persone coinvolte in alcuni fra i tanti “Vajont” italiani, i disastri causati dall’uomo che hanno colpito il nostro Paese, storie che si ripetono calpestando valori e dignità delle persone spesso, per non dire sempre, in funzione degli interessi economici.

In circa settanta minuti, gli autori hanno voluto dare voce ai testimoni di alcuni casi che hanno segnato l’Italia e molti cittadini, casi di cui spesso si parla come memoria ma quasi mai questa testimonianza diventa importante monito ed esperienza affinché tali tragedie non si ripetano.

Sullo schermo appositamente allestito, a Palazzo Ducale, scorreranno così le immagini e testimonianze dei fatti: Genova e le 9 vittime causate dal crollo della torre piloti abbattuta da una nave nel porto, Broni e Casale con le loro fabbriche di amianto che hanno decimato la popolazione, Torino e l’incendio dello stabilimento della Thissen – Krupp nel quale morirono 7 operai, Viareggio dove un treno deragliato ha incendiato un intero quartiere uccidendo 32 persone, Paderno Dugnano con i suoi operai morti bruciati della fabbrica Eureco, L’Aquila post-terremoto e la sua “new town” identica al “progetto case” di Maniago dove vennero trasferiti molti abitanti di Erto dopo il crollo della diga del Vajont. Infine, simbolicamente una vicenda più lontana: Bhopal, 3 dicembre 1984, raccontata da Arun Gandhi e Vandana Shiva.

Realtà presto dimenticate o volutamente trascurate da interessi maggiori e che vivono solo grazie all’impegno di pochi giornalisti, videomaker o anche semplici cittadini attivi.

«Ghandi diceva: prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono, poi tu vinci….ed è proprio questa la frase che ha ispirato me e Lucia Vastano nella stesura del nostro documentario – spiega Maura Crudeli – raccontare la lotta, le difficoltà, le vittorie e i fallimenti di chi ha cercato verità e giustizia, di chi si è messo contro grandi potentati economici e di chi ha perso un proprio familiare in una tragedia annunciata, dove i valori della salute e della sicurezza sono stati subordinati a quelli del profitto e dell’interesse privato. I Vajont è la voce del post-disastro, la voce che si alza dalle valli, dalle macerie, dal mare e dalle fabbriche d’Italia e del resto del mondo».

La serata del 9 giugno, organizzata con il supporto di Genova Palazzo Ducale – Fondazione per la cultura e Comune di Genova, sarà anche l’occasione per ricordare Luigi Mara fondatore di Medicina Democratica Movimento di Lotta per la Salute, attivista dei diritti dei lavoratori e dell’ambiente, sempre in prima fila nella lotta in difesa della salute in fabbrica e nel territorio.

Sinossi: “Il Vajont è come un fiume dentro il quale ci finiscono tutti i torrenti che raccontano la storia di cosa sia capace l’uomo per profitto, avidità, potere e indifferenza. Nei “Vajont” ci si inciampa sempre e ovunque dal Nord al Sud Italia, la stessa incredibile storia raccontata dalla voce di chi deve lottare per i propri diritti e per chi quei diritti li ha persi per sempre”.

Ufficio stampa: Giulia Danieli 334-9495679 giuliadanieli3@gmail.com Allegati: locandina, curricula delle registe con foto e i link ai trailer del film.

Riflessioni ad una settimana dalla rottura dell’oleodotto. Petrolio nel rio Fegino, nel Polcevera e nel mare

di Giuseppe Oliva – Attac Genova –

Il mare di Genova è un po’ “sfortunato”, ma l’incidente che nella settimana scorsa ha portato nelle acque marine circa il 10% delle 5/600 tonnellate di greggio sversate dopo la rottura dell’oleodotto genovese per fortuna non è enorme come quello dovuto all’affondamento della petroliera Haven nel 1991 o al petrolio dell’Agip Abruzzo portato da Livorno sulle coste liguri sempre lo stesso anno.

Federico Valerio, che ha diretto il dipartimento di chimica ambientale dell’Istituto Tumori di Genova, ha studiato l’ecosistema marino ligure investito haven 1 dalla tragedia della petroliera Haven nel 1991, e non ha dubbi: «Il paragone con la Haven non regge. Quello accaduto in Valpolcevera non è un disastro, ma un incidente grave sì. Non doveva succedere, i sistemi di prevenzione hanno fallito” e ha affermato che sulle spiagge del Ponente ligure accadrà quello che accadeva spesso negli anni Sessanta, quando le petroliere lavavano le vasche in mare e sulle spiagge arrivavano macchie di catrame, ma che sarà utile tenere sotto controllo gli organismi marini, perché una certa quantità di idrocarburi finirà nella catena alimentare, nei pesci e nelle cozze.

Purtroppo però, nonostante questo parere non del tutto negativo, i turisti sicuramente eviteranno le spiagge e i prodotti ittici liguri, apportando notevoli danni a un economia ormai quasi del tutto dipendente dal turismo, e non si intravedono possibilità di risarcimenti adeguati

Affrontando la problematica più in generale, per quanto riguarda il petrolio, si potrà obiettare che la vita ha bisogno di “energia”, e che la “macchina” della società umana, al pari della macchina della natura, necessita di energia per funzionare, anche se col recente progresso tecnologico, mirato a obiettivi di incremento della qualità della propria vita, l’uomo ha cominciato ad alterare l’equilibrio delle risorse e della qualità del pianeta.

Petrolio-nel-rio-feginoPer non sconvolgere l’equilibrio vitale del pianeta non si deve necessariamente rinunciare al confort tecnologico o allo sviluppo umano, che ha in così larga misura contribuito a migliorare i nostri standard di vita. Dobbiamo solo cercare di adottare opportune strategie di sviluppo della società umana compatibili con le risorse e con l’equilibrio vitale del pianeta. Una “ricetta” potrebbe essere quella di intraprendere la via delle fonti rinnovabili. Questa scelta non sottintende soltanto un bisogno “ambientale”, di salvaguardare il pianeta abbandonando quelle fonti ad alta pericolosità ambientale come i cosiddetti combustibili fossili (quali il petrolio ed il carbone, ma anche il gas metano ed altri derivati), ma anche l’unica vera scelta strategica energetica per assicurare lo sviluppo della società umana.

Per un futuro sostenibile, che cioè si preoccupi dell’ambiente ma anche dello sviluppo della società l’unica risposta concreta, pratica e programmatica sono, per il momento, le fonti rinnovabili che non saranno più solo energie pulite, “verdi”, ma rappresenteranno l’unica scelta energetica a lungo periodo praticabile in tempi brevi, quando le altre fonti non rinnovabili saranno esaurite.

È inutile quindi porre in essere politiche energetiche che, spostandosi da un combustibile fossile all’altro, cerchino di rimanere a galla quanto più possibile, bisognerebbe investire subito nella ricerca nel settore delle fonti rinnovabili, che rappresentano l’unica strada percorribile a lungo termine e che dovrebbero in breve tempo acquisire competitività ed efficienza. Solo così, infatti, le fonti rinnovabili diventeranno fonti a basso costo capaci di giocare un ruolo di primo piano nello sviluppo, mentre oggi il loro costo è superiore a quello delle energie tradizionali e quindi risultano meno appetibili. Va anche considerato che in realtà il prezzo delle energie rinnovabili è più alto perché integra in sé quel costo sociale (vedi ad esempio la bonifica a seguito dell’inquinamento di un sito) che dovrebbe essere aggiunto al costo dei combustibili fossili e che invece non viene considerato. In tutti i casi, nei costi dell’energia ottenuta dai combustibili fossili, manca il computo dell’impatto ambientale della combustione, cioè il prezzo di questo tipo di energia è più basso del suo costo sociale. eolico L’importante è dunque iniziare seriamente ad investire in ricerca e sviluppo nel campo delle rinnovabili perché se veramente le previsioni più recenti si rivelassero valide ci troveremmo di fronte a una sostanziale scarsità di petrolio e combustibili fossili in assenza di alternative «mature» per sostituirli. Se invece possedessimo alternative mature ed efficienti rispetto alle fonti non rinnovabili non ci sarebbe tanta preoccupazione sui dati allarmanti riguardo all’esaurimento dei combustibili fossili.

Il nostro paese ha in realtà già iniziato un suo percorso di transizione energetica: non solo le energie rinnovabili sono diffuse ormai nel 100% dei Comuni italiani, ma l’Italia conquista il primo posto nel mondo per il solare, sfatando così la convinzione che queste fonti avrebbero sempre e comunque avuto un ruolo marginale nel sistema energetico italiano. Il contributo ai consumi elettrici arriva al 38%, dato che fotografa il particolare andamento della rivoluzione energetica italiana, che cresce dal basso ma viene osteggiata dall’alto, con tagli retroattivi e improvvisi che frenano una crescita ormai forte di oltre 800 mila impianti sparsi in tutto il territorio (vedi i tagli agli incentivi).

Ritornando all’ ennesimo disastro ambientale in Liguria ci sentiamo comunque di auspicare un più celere andamento di tale transizione da ottenere non solo ripristinando gli incentivi, ma aumentandoli.

L’incidente del Polcevera dimostra inoltre la fragilità ambientale di Genova, dove i corsi d’acqua sono ormai al collasso: dopo le recenti e tragiche alluvioni del Ferreggiano (2011, 2014), costretto in un alveo sempre più ridotto da un consumo di suolo fuori controllo, ora è la volta del Polcevera, devastato dallo sversamento di 5/600 mc di idrocarburi fuoriusciti a causa della rottura di un oleodotto irresponsabilmente collocato a ridosso del fiume.

La Liguria, per la conformazione geomorfologica, è una regione a particolare rischio di eventi estremi dovuti al cambiamento climatico in atto, e questo agisce anche da moltiplicatore di tutti i problemi del territorio. Questa situazione ha fatto di Genova una città schiacciata sul mare e con un selvaggio sfruttamento del suolo: è necessario quindi prevedere con grande urgenza un piano serio e responsabile, condiviso con la popolazione, volto a salvaguardare la cittadinanza da incidenti come quello attuale e da alluvioni. Tale piano deve essere la priorità assoluta a livello politico e non è assolutamente rinviabile.

I sindaci possono migliorare la salute dei cittadini. Come? Idee, Strumenti, Proposte …

2016 - Incontro Salute Pubblica

Nuove mani nella città. Genova e i suoi quartieri come responsabilità comune.

memorie bisagno_3 seminario 150416

Incontro sull’agricoltura contadina e presentazione libro ” Mille contadini” il giorno15 aprile ore 18:00 allo Zenzero

Presentazione libro Mille contadini-2

Stop Madia! Fermare le privatizzazioni, difendere il referendum sull’acqua, fuori i beni comuni dal mercato

 

water_revolution.jpg

 

da: http://www.italia.attac.org/joom-attac/index.php

di Marco Bersani

Lettura guidata ad un decreto/manifesto liberista

Contesto

Nel giugno 2011, oltre 26 milioni di cittadini hanno votato “SI” a due referendum sull’acqua, determinando, con la vittoria del primo quesito, l’abrogazione dell’obbligo di privatizzazione di tutti i servizi pubblici locali e, con la vittoria del secondo quesito, l’abrogazione dei profitti dalla tariffa del servizio idrico integrato.

Si è trattato, in maniera evidente, di un pronunciamento di massa contro le privatizzazioni e per la gestione pubblica di tutti i servizi pubblici locali.

E, nel caso dell’acqua, come ha ben specificato la Corte Costituzionale, con sentenza n. 26 del 2011, si è perseguita chiaramente:“(..) la finalità di rendere estraneo alle logiche del profitto il governo e la gestione dell’acqua”.

Si inserisce dentro questo contesto il Testo unico sui servizi pubblici locali di interesse economico generale, decreto attuativo della Legge Delega n. 124/2015, che definisce invece con le seguenti parole l’attuale quadro normativo: “(..) risultato di una serie di interventi disorganici che hanno oscillato tra la promozione delle forme pubbliche di gestione e gli incentivi più o meno marcati all’affidamento a terzi mediante gara” (relazione illustrativa, pag.1), includendo nella generazione di confusione normativa i referendum abrogativi e la sentenza della Corte Costituzionale n. 199/2012 (che difendeva l’esito referendario).

Un testo per mettere ordine, parrebbe.

Ma in quale direzione, lo esplicita subito (sez. 1, paragrafo B) l’Analisi di Impatto della Regolamentazione, allegata al testo di legge.

Fra gli obiettivi a breve termine, viene indicata “la riduzione della gestione pubblica ai soli casi di stretta necessità”, mentre sono obiettivi di lungo periodo: “garantire la razionalizzazione delle modalità di gestione dei servizi pubblici locali, in un’ottica di rafforzamento del ruolo dei soggetti privati e “attuare i principi di economicità ed efficienza nella gestione dei servizi pubblici locali, anche al fine di valorizzare il principio della concorrenza.

Si tratta, in tutta evidenza, di un decreto che si prefigge, cinque anni dopo la vittoria referendaria sull’acqua, la chiusura di quell’anomalia e la privatizzazione dei servizi pubblici locali.

Finalità

Altrettanto illuminanti sono le finalità della legge, così come descritte all’art.4.

Mentre il comma 1 recita incredibilmente la volontà di “affermare la centralità del cittadino nell’organizzazione e produzione dei servizi pubblici locali di interesse economico generale, anche favorendo forme di partecipazione attiva”, il comma 2, aprendosi con le parole “In particolare” (quindi volendo rendere concreto quanto asserito nel comma 1) dice testualmente: “(..) le disposizioni del presente decreto promuovono la concorrenza, la libertà di stabilimento e la libertà di prestazione dei servizi di tutti gli operatori economici interessati alla gestione dei servizi pubblici locali di interesse economico generale”

Una definizione che ricalca pedissequamente quella utilizzata in tutti i trattati di libero scambio, dall’Accordo Generale sul Commercio dei Servizi del WTO al più recente TTIP.

Funzione dei Comuni

L’art. 5 del testo sottolinea il ruolo dei comuni e delle città metropolitane, dichiarando, al comma 1 “funzione fondamentale”degli stessi “l’individuazione delle attività di produzione di beni e servizi di interesse economico generale”.

Peccato che, immediatamente dopo, e per tutto il testo della legge, questa funzione sia immediatamente misconosciuta: comuni e città metropolitane, infatti, per individuare i servizi pubblici, devono effettuare preventivamente una verifica, anche con forme di consultazione di mercato, sul fatto che tali attività non siano già fornite o fornibili da imprese operanti con regole di mercato (comma 2 e 3); verifica da inoltrare all’Osservatorio del Ministero dell’Economia sui servizi pubblici locali (comma 5).

Chi gestirà i servizi?

Le modalità di gestione sono la polpa del provvedimento normativo, e infatti, per quanto riguarda acqua, rifiuti e trasporto pubblico locale, prevalgono su qualsivoglia normativa di settore(art. 3).

Qui il decreto (art. 2) opera una distinzione fra “servizi pubblici locali di interesse economico generale” e “servizi pubblici locali di interesse economico generale a rete”.

Entrambi sono servizi “erogati dietro corrispettivo economico su un mercato, che non sarebbero svolti senza un intervento pubblico”, i secondi sono “organizzati tramite reti strutturali”.

Il primo principio posto chiaramente sulle modalità di affidamento è che la gestione in economia o mediante azienda speciale è possibile solo per i servizi non a rete (comma 1, lettera d) art.7).

Si tratta di un preciso attacco alle proposte di ripubblicizzazione da parte del movimento per l’acqua, che da sempre propugna la gestione attraverso enti di diritto pubblico, quali le aziende speciali, e di un attacco concreto alla realtà di ABC Napoli, azienda speciale che gestisce il servizio idrico della città partenopea.

Tutti i servizi pubblici locali a rete devono di conseguenza essere gestiti attraverso società per azioni.

Ma, perché sia chiaro quali siano le opzioni privilegiate dal decreto, ecco quali ulteriori vincoli vengono posti, laddove gli enti locali scelgano una società per azioni a totale capitale pubblico.

In questo caso, gli enti locali devono deliberare con provvedimento motivato, dando conto delle ragioni del mancato ricorso al mercato, nonché dell’impossibilità di procedere mediante suddivisione in lotti del servizio per favorire la concorrenza (comma 3, art.7).

Inoltre, il provvedimento deve contenere un piano economico- finanziario con la proiezione, per l’intero periodo della durata dell’affidamento, dei costi e dei ricavi, degli investimenti e dei relativi finanziamenti; tale piano deve specificare inoltre l’assetto economico-patrimoniale della società, il capitale proprio investito e l’ammontare dell’indebitamento, da aggiornare ogni triennio.

Dulcis in fundo, il piano deve essere “asseverato da un istituto di credito” (comma 4, art.7).

Adempiute tutte queste incombenze, l’ente locale dovrà inviare lo schema di atto deliberativo all’Autorità garante della concorrenza e del mercato, per un parere che verrà espresso entro trenta giorni (comma 6, art.7).

Nulla di tutto questo è richiesto per le gestioni attraverso società per azioni a capitale privato o a capitale misto pubblico-privato.

Chi gestirà le reti e gli impianti?

Poiché nulla dev’essere tendenzialmente sottratto al mercato, ecco la possibilità, sempre “per favorire la tutela della concorrenza” di affidare la gestione delle reti, degli impianti e della altre dotazioni patrimoniali separatamente dalla gestione del servizi, nel qual caso l’affidamento dovrà essere fatto ad una società per azioni a totale capitale pubblico, a società a capitale misto pubblico-privato o a società a capitale privato (coma 4, art.9)

Anche in questo caso, la preferenza per le società miste o private si esprime con la possibilità per le stesse di realizzare direttamente e senza gara d’appalto tutti i lavori connessi alla gestione della rete e degli impianti (comma 2, art. 10)

A chi andranno i finanziamenti pubblici?

 Domanda retorica: gli eventuali finanziamenti statali saranno “prioritariamente assegnati ai gestori selezionati tramite procedura di gara ad evidenza pubblica (..) ovvero che abbiano deliberato operazioni di aggregazione societaria” (comma 2, art.33)

 Le tariffe remunerano i profitti

 Lo schiaffo al referendum non poteva essere reso più evidente: dopo anni con cui i profitti erano stati mascherati nella tariffa sotto la definizione di “oneri finanziari”, viene reintrodotta nella determinazione delle tariffe dei servizi pubblici locali, “l’adeguatezza della remunerazione del capitale investito” (comma 1, lett. d) art. 25), nell’esatta dizione abrogata dal secondo quesito referendario del giungo 2011.

L’Authority e il consumatore

 L’ideologia liberista del decreto, trasparente in ogni paragrafo del testo, risulta oltremodo evidente laddove si affrontano le “garanzie” su erogazione e qualità del servizio. Qui scompaiono sia le comunità locali in quanto tali, sia il cittadino-utente: entrambi cedono il passo all’individuo consumatore da una parte -a cui va garantita (art. 24) la carta dei servizi- e l’Authority dall’altra, che, per l’occasione viene ridenominata (art.16): “Autorità per energia, reti e ambiente (ARERA)”.

Diritti garantiti dal mercato

Vale la pena riportare un ulteriore passaggio tratto dall’Analisi di Impatto della Regolamentazione allegata al testo di legge.

Ecco cosa si dice alla sezione 4: “(..) Il decreto attua la delega contenuta nell’articolo 19 della legge 7 agosto 2015, n. 124 e la previsione di limiti e condizioni per l’assunzione del servizio pubblico locale permette di valorizzare il ruolo dei privati, secondo la regola generale che alle esigenze dell’utenza risponde il mercato in libera concorrenza, fatta salva la necessità di garantire a tutti un servizio che non sarebbe svolto senza un intervento pubblico”.

Peccato che il comma c) dell’art. 19 della legge cosi recitasse:individuazione della disciplina generale in materia di regolazione e organizzazione dei servizi di interesse economico generale di ambito locale (..) tenendo conto dell’esito del referendum abrogativo del 12 e 13 giugno 2011

Si tratta quindi di un’ulteriore violazione: il decreto attuativo di una legge delega deve infatti attuare, e non stravolgere, quanto previsto dalla legge delega.

Riflessioni politiche finali

Il decreto Madia prova a chiudere un cerchio: quello aperto dalla straordinaria vittoria referendaria sull’acqua del giugno 2011, sulla quale i diversi governi succedutisi non avevano potuto andare oltre all’ostacolarne l’esito, all’incentivarne la non applicazione, ad impedirne l’attuazione.

Questa volta l’attacco è esplicito: forte di quanto ottenuto con gli attacchi ai diritti del lavoro (Job Acts), alla scuola pubblica (“Buona Scuola”), alla difesa dell’ambiente e dei territori (“Sblocca Italia”), il governo Renzi si sente sufficientemente forte da tentare l’assalto finale, buttando a mare il referendum del 2011 e privatizzando tutti i servizi pubblici locali.

Il rilancio delle privatizzazioni dei servizi pubblici risponde a precisi interessi delle grandi lobby finanziarie che non vedono l’ora di potersi sedere alla tavola imbandita di business regolati da tariffe, flussi di cassa elevati, prevedibili e stabili nel tempo, titoli tendenzialmente poco volatili e molto generosi in termini di dividendi: un banchetto perfetto, che Renzi e Madia hanno deciso di apparecchiare per loro.

Con l’alibi della crisi e la trappola artificialmente costruita del debito pubblico, si cerca di portare a termine la spoliazione delle comunità locali, mercificando i beni comuni e privatizzando i servizi pubblici. Per poter attuare tutto questo, è essenziale sottrarre democrazia. Per questo, lo schiaffo al referendum non è un semplice effetto collaterale del decreto Madia, me ne costituisce il cuore e l’anima.

L’ennesima drammatica partita è appena cominciata. A tutte le donne e gli uomini che da anni si battono per l’acqua, per i beni comuni e per un altro modello sociale il compito di giocarla fino in fondo.

Non dobbiamo permettere a Madia/Renzi ciò che abbiamo impedito a Ronchi/Berlusconi.

Greenpeace Genova e Gruppo Stop TTIP Genova organizzano un incontro sui cambiamenti climatici e l’effetto serra

 

conferenza-parigi-2015-clima-obiettivi-3-1100x733

 

Giovedì 8 aprile 2016 ore 17,00 in via Balbi 2 sul clima e l’effetto serra e non solo ma si parlerà anche di trivelle e dei gravi rischi collegati alla perforazione per la ricerca delle fonti di energia fossile . Incontro organizzato da Greenpeace Genova e Gruppo Stop TTIP Genova.

Il Granello di sabbia di gennaio febbraio 2016: “Verso una Nuova Finanza Pubblica e Sociale: Comune per Comune, riprendiamo quel che ci appartiene!”

Per scaricare il granello  di sabbia in formato pdf  cliccare sull’immagine

il_granello_di_sabbia_gennaio_febbraio_2016_Pagina_01

Indice

EDITORIALE:
Cambiare si può: costruiamo dal basso una Rete Sociale di Cambiamento 

di Vittorio Lovera | Attac Italia

Livorno 23 gennaio-2016:  una giornata importante

Report a cura di ComuneXComune

L’esperienza del Laboratorio sul Bilancio Comunale di Livorno

di Simona Repole

A gonfie…Ve.La! Inchiesta sulla società più “glamour” di Venezia

di Eliana Caramelli

Roma: l’audit su ACEA

di Marco Bersani

Riprendiamoci il Comune! Le esperienze dei Comitati locali di Attac:

Riprendiamoci il Comune: l’esperienza genovese

di Pino Cosentino

Roma: Rete per il diritto alla città

di Simona Savini

Progetto Roma 2021 – Un salto di qualità nei movimenti

di Marco Bersani

Da Modena e Bologna: Riprendiamoci i Comuni!

di Attac Vignola

Primi passi a Grosseto

di Silvano Brandi

Lamezia Terme: Riappropriamoci della città

a cura del Collettivo Autogestito Casarossa40

Savona: formarsi e costruire reti

di Roberto Melone

“LaboRiuso”: Laboratorio cittadino partecipato sul riuso degli spazi dismessi a Saronno

di Elena Casalini (Attac Saronno)

Lavoro & sociale: esperienze di svolta

Mondeggi: fattoria senza padroni

di Francesco Valente

RiMaflow: il recupero ecologista della fabbrica continua e si rilancia

di Gigi Malabarba

Basta Dire, occorre Fare: il Laboratorio di Nuova Economia del III Municipio di Roma

di Vittorio Lovera

On the road, verso un altro mondo possibile. Intervista a Mauro Fedele di Consorzio Sociale Equo

di Vittorio Lovera

Saeco: Poesie per farsi coraggio e per ricordarsi che non si è un esubero nel mercato mondiale

a cura dell’Associacione Culturale SassiScritti

BARCELONA EN COMÚ. La rivoluzione nel pensare ed agire la politica

di Flavia Ruggieri (www.indipendenti.ue)

Rubriche

Democrazia partecipativa

Geopolitica, conflitti sociali, democrazia partecipativa. Dalla partecipazione all’autodeterminazione

a cura di Pino Cosentino

Il fatto del mese

Lessico famigliare

di Marco Schiaffino

Auditoria del debito

Perché serve un audit sul debito in tutti i paesi del Sud Europa

di  Francesca Coin

Contributo di un lettore

La questione greca è stata un’opportunità perduta per una nuova Europa

di  Sergio Farris

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: